Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Associazioni agrigentine costituiscono il “Comitato Cutrò”.

Scritto da il 14 gen 2012/ 10:45. Letto 653 volte. Registrato sotto Agrigento, Cronache, In evidenza, Lettere, Politica, Sciacca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa congiunto delle Associazioni “Grilli di Sciacca”, “L’altra Sciacca”, “Libere Terre”, “Socialismo Cristiano” ed “S.O.S Democrazia” sulla vicenda dell’imprenditore Antiracket Ignazio Cutrò.

“Le associazioni agrigentine: “Grilli di Sciacca”, “L’altra Sciacca”, “Libere Terre”, “Socialismo Cristiano” ed “S.O.S Democrazia” prendono posizione netta riguardo alla vicenda che vede coinvolto Ignazio Cutrò e costituiscono il “Comitato Cutrò” in favore dell’imprenditore bivonese che con le proprie denunce e testimonianze ha messo in ginocchio la mafia della Bassa Quisquina.
E’ fuori da ogni logica civile e democratica che un imprenditore, dopo essersi schierato coraggiosamente dalla parte delle Istituzioni, venga steso da quello stesso Stato che ha servito con onore e rispetto. La superficialità e la goffaggine con la quale alcuni apparati statali stanno trattando la vicenda rischia di generare effetti drammatici e duraturi sul tessuto sociale ed economico dell’isola.
Le mostruose vicende del recapito ad Ignazio Cutrò di una “comunicazione preventiva di ipoteca” per un importo 86 mila euro e del mancato rilascio dei documenti necessari al riavvio dell’azienda devono trovare una immediata soluzione positiva. Bisogna incoraggiare le vittime del Racket e non avvilirle.
E’ inaccettabile che lunedì 16 gennaio 2012 la Serit-Sicilia possa procedere all’iscrizione di ipoteche sul patrimonio immobiliare dell’imprenditore-coraggio.
La classe politica siciliana ha il dovere di lanciare con urgenza un segnale chiaro e concreto su una vicenda che coinvolge la dignità di ogni siciliano onesto. Chiediamo, quindi, al Presidente della Regione Sicilia, ai singoli assessori della Giunta Regionale di Governo, al Presidente
dell’Assemblea Regionale Siciliana ed ai singoli Deputati Regionali di prodursi in un slancio di generosità nei confronti della nostra Terra. Chiediamo un atto di Responsabilità. Un gesto di grande levatura morale. Chiediamo che venga chiusa la partita. Mille euro ciascuno. E l’imprenditore Ignazio Cutrò potrà tornare a lavorare.
Ci aspettiamo, anche, che Confindustria Sicilia intervenga con decisione ed aiuti Cutrò a rialzarsi.
Siamo orgogliosi di stare accanto ad Ignazio in questa battaglia di civiltà e non lasceremo il campo fino a quando la vicenda non troverà la giusta soluzione. Se nulla accadrà valuteremo l’intrapresa di azioni forti”.
“Grilli di Sciacca”
“L’altra Sciacca”
“Libere Terre”
“Socialismo Cristiano”
“S.O.S Democrazia”

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=11302

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

giugno: 2020
L M M G V S D
« gen    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.