Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Lettera di Aldo Mucci: “folle” la nuova disciplina sul licenziamento

Scritto da il 29 ott 2011/ 17:14. Letto 1.884 volte. Registrato sotto Cronache, In evidenza, Politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Caro Direttore,
tra le misure a sostegno dell’occupazione, l’art. 8 del decreto-legge n. 138/2011 (“manovra economica bis”), ormai definitivamente approvato, ha introdotto un singolare meccanismo di regolazione delle materie inerenti l’organizzazione del lavoro. Finora si era parlato di contratti aziendali, territoriali. Oggi, l’uso del termine “contratto di prossimità” esprime un cambio radicale dell’art.8.
Il contratto di prossimità potrebbe stabilire che il lavoratore che è stato licenziato ingiustamente anziché ottenere il reintegro, come è previsto ora, ottenga solo un risarcimento, inoltre l ’art. 8 si pone in contrasto con l’art. 39 della Costituzione, poiché attribuisce alle intese sindacali, concluse attraverso i contratti collettivi di prossimità, un’efficacia che gli attuali contratti collettivi non possono avere: vale a dire la capacità di produrre effetti vincolanti nei confronti di tutti i lavoratori appartenenti alle categorie cui il contratto collettivo si riferisce. Secondo quella norma qualsiasi sindacalista locale, senza il consenso dei vertici, può derogare alla legge.
Questa nuova disciplina,suscita giustamente parecchie preoccupazioni nell’ambito sindacale. Una disciplina “folle” presentata da un Governo, che ha voluto fare un regalo a Confindustria, stracciando quella che è la carta dei diritti del lavoro. Applicarla significherebbe iniziare una serie infinite di vertenze in quanto qualsiasi norma del diritto del lavoro ha un aggancio nella Costituzione o nelle convenzioni internazionali.
Grazie per la cortese attenzione
Aldo Mucci

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=9560

4 Commenti per “Lettera di Aldo Mucci: “folle” la nuova disciplina sul licenziamento”

  1. luigi78

    Un’analisi chiara, come nello stile di Aldo Mucci.No si possono tollerare certe manovre che tentano di annullare come al solito il mondo del lavoro,del sindacato,Dobbiamo reagire,dobbiamo scendere in piazza,dobbiamo chiedere alle opposizioni di non limitarsi a dire Berlusconi deve andare via !! e basta…dobbiamo fare proposte vere e non le solite e noiose frasi Bersaniane.

  2. agrigentinodoc

    vergogna…vergogna…..vergogna

  3. luisa

    I lavoratori devono essere tutelati,nessuno può licenziarli se non per giusta causa,come prevede il CCNL. Non vogliamo una legge che permette di licenziare quando e come si vuole.

  4. luisa

    Dimenticavo.i sindacati uniti devono portare i lavoratori nelle piazze. Le opposizioni devono muoversi !!!

Leave a Reply to agrigentinodoc

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

maggio: 2020
L M M G V S D
« gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.