Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/sicanianews/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70
SicaniaNews.it, testata giornalistica con servizi di cronaca, cultura e attualità

Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Messina, il cinema ricorda l’alluvione di Giampilieri

Scritto da il 28 Set 2011/ 10:41. Letto 985 volte. Registrato sotto Cinema, Cronache, Cultura, In evidenza, Messina. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Ha già riscosso un buon successo di critica nella sezione Controcampo italiano evento al 68° Mostra del Cinema di Venezia e ora sbarca nella sua terra “natia”: “Caldo grigio caldo nero” è l’ultimo lavoro del siciliano Marco Dentici sull’alluvione nel messinese del 1° ottobre 2009, un film-documentario che racconta le alluvioni dalla prima del 2007 fino alla più recente mareggiata del 2011. E l’anteprima nazionale non può che svolgersi a Giampilieri, sui luoghi dell’immane disastro e proprio nel giorno dell’anniversario: sabato infatti è prevista una giornata di commemorazione, promossa dal Comitato “Salviamo Giampilieri” coordinato da Corrado Manganaro, insieme con i “colleghi” di Scaletta, Altolia, Briga, contrada Torre, Itala, Molino, Pezzolo, Ponte Schiavo e Santa Margherita. Si comincerà alle 18 con la celebrazione della messa in ricordo delle vittime nella chiesa San Nicolò di Giampilieri; a seguire il ricordo davanti al monumento delle vittime in piazza Pozzo; nella Chiesa antistante il concerto del pianista e matematico David Carfì, che ha scelto brani dedicati agli eventi naturali come “La tempesta” di Beethoven e altri in memoria delle vittime; in serata la proiezione della pellicola in prima assoluta, con un collegamento su Raitre con la Permanente di Milano.

“Caldo grigio caldo nero è un tentativo di ridare dignità alle comunità ferite – spiega il regista Dentici, originario di Galati Marina – alle persone balzate con la loro morte all’effimera notorietà, così come i loro semisconosciuti paesi. Per il diritto delle nuove generazioni ad avere un futuro normale”. Girato nell’arco di un anno e mezzo e prodotto da Diva Srl ed Entr’acte, in particolare Roberta Poiani, Mazzaglia Miceli, Romolo Biondi e Dentici, si avvale della partecipazione amichevole di Maria Grazia Cucinotta, Nino Frassica e Ninni Bruschetta, di attori per la prima volta sullo schermo come Vitale, Filippo De Luca e Domenico De Francesco di riprese effettuate con telecamere professionali, telefoni cellulari e videocamere amatoriali: uno stile asciutto per una vicenda che va ben oltre la cronaca, fatta di segmenti di storie tracciati dagli occhi di un disperso senza nome. O dagli occhi di chi riavvolge il nastro della propria esistenza; e parlarne con la voce dei ricordi per non dimenticare.

“Soccorsi. Feriti e cadaveri sotto montagne di fango e macerie – si legge nella sinossi – Funerali di Stato. Solidarietà, contestazioni. Gira la giostra delle colpe. Rimbalzano cifre, dichiarazioni di tecnici e politici. Tutti responsabili, nessun responsabile”. Dopo un anno e otto mesi infatti il quadro non muta e lo scorso marzo il Governo nazionale ha bloccato i fondi Fas per la Sicilia. Ed ecco che il film lancia un appello, un grido d’allarme e di aiuto, ma specialmente un’opera di denuncia per fare conoscere la verità di fatti realmente caduti, ridare dignità ai morti e togliere di mezzo la parola “abusivismo”, tanto richiamata dai media quanto falsa.

“È la mia terra che mi chiama e io rispondo… – ha commentato la Cucinotta – rispondo con la mia voce, insieme a quelle di altri colleghi, per dare forza ad un messaggio importante. Un progetto che racconta la tragedia, la denuncia, ma anche la speranza di coloro che lottano affinché ciò non accada più”. Giovedì 6 settembre il film verrà proiettato al Teatro Vittorio Emanuele in una serata dal titolo “Ad un passo dal fango” dedicata ai paesi alluvionati, lunedì 10 al Teatro Politeama di Palermo durante una manifestazione, promossa dalla Presidenza della Regione Siciliana e dalla Protezione Civile regionale; data ancora da stabilirsi quella di Catania. Una diffusione che toccherà i capoluoghi più importanti della Sicilia, al fine di raccontare attraverso il cinema il dramma vissuto da tanti messinesi due anni fa. In occasione delle serate sarà possibile visitare la mostra dei quadri donati da diversi artisti italiani, come Dario Fo o Togo, al Museo del fango, ospitato temporaneamente al Genio Civile in attesa di una destinazione definitiva.

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=8107

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.