Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/sicanianews/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70
SicaniaNews.it, testata giornalistica con servizi di cronaca, cultura e attualità

Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Palermo capitale della biodiversità. Sabato e domenica al via la terza edizione de “La Zagara”

Scritto da il 26 Ott 2011/ 21:49. Letto 1.933 volte. Registrato sotto Cronache, Cultura, Eventi, In evidenza, Palermo. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Francesco Raimondo, Carmelo Sardegna e Rosario Schicchi.

La biodiversità e le piante rare e da collezione saranno al centro della terza edizione della mostra -mercato “La Zagara” che si terrà a Palermo i prossimi 29 e 30 ottobre, sabato e domenica, presso l’Orto botanico in via Lincoln. L’happening, che nelle scorse edizioni ha richiamato migliaia di visitatori provenienti non solo dalla Sicilia, cade nell’anno internazionale dedicato alle Foreste dall’Assemblea delle Nazioni Unite.
Saranno cinquanta gli espositori di tutt’Italia che prenderanno parte alla manifestazione con i loro prodotti: piante aromatiche e da giardino, collezioni di gelsomini e pelargonie, graminacee, ortensie, rose antiche e storiche e, naturalmente zagare, simbolo della sicilianità.

“La kermesse – spiega Carmelo Sardegna, coordinatore della segreteria organizzativa dell’evento – si pone non soltanto come un momento culturale, di sensibilizzazione e di approfondimento sui temi della natura, degli alberi e delle piante, ma anche quale volano economico per gli operatori del settore”.
Tra gli espositori di quest’anno, la vivaista Rita Paoli, la più grande esperta di ortensie al mondo, che farà degustare un the speciale.

Rosario Scicchi e Carmelo Sardegna

“Nell’ambito di questa edizione – prosegue il professore Sardegna – ospiteremo vivaisti come Ignazio Toto di Sciacca, che, da tradizionale importatore e venditore di semi di piante, è diventato egli stesso produttore; alla manifestazione prenderà parte anche un gruppo di giovani scienziati palermitani attivi nel settore della riforestazione marina”.
“In uno specchio di mare ad est della costa palermitana – conclude – sono riusciti a collocare la Posidonia oceanica e a consentirne il ripopolamento, attraverso un esperimento che ha permesso la successiva realizzazione di un superprodotto biodegradabile”.
Nell’ambito della mostra mercato i giovani scienziati di GEON, spin off dell’Università degli Studi di Palermo, del quale è esponente l’ingegnere Alessandro Buscemi, presenteranno i risultati di una sperimentazione, ormai in fase avanzata, sulla geotermia a bassa entalpia, con particolare riferimento al riscaldamento (o raffreddamento) delle serre.
Una tecnologia già usata nel resto d’Europa, ma che per Alessandro può avere successo anche in Italia, visto che incrementa l’efficienza delle pompe di calore, facendo risparmiare fino al 60% dell’energia, riducendo le emissioni di CO2 sia d’inverno che in estate.
Il professore Rosario Schicchi, vice direttore dell’Orto botanico, rende noto inoltre che sarà presentato un volume sui grandi alberi monumentali ed in particolare quelli del Parco dei Nebrodi, molti dei quali raggiungono oltre 15 secoli di vita.
Di particolare interesse anche l’esposizione, per la prima volta, di due nuove specie di piante grasse trovate da alcuni vivaisti cechi in Brasile.
Soddisfazione viene espressa, infine, anche dal direttore dell’Orto botanico, Francesco Raimondo, il quale sottolinea come “ la mostra-mercato, nelle passate edizioni, ha fatto registrare oltre 10 mila presenze di visitatori: la manifestazione, che non ha mai ricevuto contributi da parte delle istituzioni locali, pone ormai l’Orto come promotore non solo di cultura ma anche di economia e sviluppo”.
——————————————————————————————————————

Programma della manifestazione

Vincenzo Marrone D’Alberti

L’esposizione sarà visitabile dalle 9:00 alle 18:00 e sarà inaugurata sabato mattina; previsti vari eventi e iniziative collaterali quali mostre, dibattiti, presentazione di libri, degustazioni e concerti. Particolarmente degni di nota, l’esibizione al pianoforte del Maestro Vincenzo Marrone D’Alberti (nella foto), concertista siciliano di fama internazionale: lo scorso 29 aprile, il musicista di origini trapanesi ha suonato, insieme all’Orchestra Sinfonica Nazionale della Bolivia, al concerto tenutosi nella capitale La Paz in onore della Regina d’Olanda. D’Alberti sarà ospite dell’Orto Botanico sabato 29 alle 19:00 terrà in Sala Lanza un concerto, curato da Carmelo Sardegna , con brani di Scarlatti, Haendel, Clementi, Chopin e Liszt.
Il giorno successivo, nella stessa Sala, alle 19:00, è previsto un altro momento musicale, con il concerto “Rapsody in blue” a cura di Gaetano Di Cataldo; ad esibirsi al pianoforte sarà Bepi Garsia, che omaggerà le due primedonne della musica statunitense Ella Fitzgerald e Sarah Vaughan.
Concluderanno Lucia Garsia e il trio composto da Riccardo Randisi, Riccardo Lo Bue e Giampaolo Terranova.
Come nelle precedenti edizioni, grande attenzione sarà dedicata alla cultura, con particolare riferimento ai giovani talenti letterari. Domenica 30, le scrittrici palermitane Alli Traina e Maria Ausilia Di Falco presenteranno i loro libri: la prima è autrice di “Vicoli vicoli. Palermo, guida intima ai monumenti umani” e “Hotel Metropol”, rispettivamente edite da Flaccovio e Gange; la seconda, invece, ha pubblicato per i tipi de Il Filo, il volume “I due colori del Tamigi”.
—————————————————————————————————————-

L’Orto botanico in pillole.
Tra le più rilevanti strutture didattico – scientifiche dell’Università degli Studi di Palermo, l’Orto botanico (www.ortobotanico.unipa.it) nasce nel 1779, quando in città sorse l’Accademia dei Regi Studi, che, istituendo la cattedra di Botanica e Materia medica, ottenne di potere utilizzare il vecchio baluardo di Porta Carini e il modesto appezzamento di terreno in esso compreso per insediarvi, appunto, un piccolo orto botanico.
Lo spazio si rivelò ben presto insufficiente e si decise, nel 1786, di trasferire l’Orto nell’attuale sede, vicino l’odierna Villa Giulia.
Oggi, l’Orto si estende su una superficie di circa 10 ettari, raggiunti attraverso una serie di ampliamenti che si susseguirono a partire dal 1789 fino al 1906, anno in cui esso assunse l’assetto attuale.
Nell’Orto sorgono serre per complessivi 1300 metri quadri: la più antica è la “Serra Carolina” , realizzata nel 1860; diverse sono le collezioni storiche di generi, ospitate all’interno, come Citrus e Plumeria.
In continuità con la tradizione che vede l’Orto botanico primo importatore in Europa di molte specie esotiche di interesse agricolo ed economico, negli ultimi anni sono stati acclimatati con successo un gran numero di piante fruttifere come l’annona, la papaya, il mango, il noce del Queensland, l’albero dei pomodori e diverse varietà di avogado e banano.

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=9500

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.