Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/sicanianews/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70
SicaniaNews.it, testata giornalistica con servizi di cronaca, cultura e attualità

Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Piccoli scienziati crescono in Sicilia

Scritto da il 18 Nov 2011/ 14:51. Letto 659 volte. Registrato sotto Cronache, Economia, In evidenza, Sicilia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Si è concluso con successo il progetto regionale Eureka. Impariamo le scienze per conoscere e divertirci, che ha coinvolto 31 scuole siciliane. I risultati del progetto sono stati presentati ieri giovedì 17 novembre a Carini (PA)

Nelle scuole siciliane si preparano gli scienziati e gli innovatori del futuro. Grazie a un progetto regionale di diffusione della cultura scientifica e dell’innovazione tecnologica, di cui si è conclusa la seconda edizione, 850 allievi di 31 scuole della regione hanno potuto toccare con mano gli argomenti più attuali della ricerca scientifica, dalle biotecnologie alla chimica, dalle scienze ambientali alle energie alternative. Il progetto, che ha presentato i suoi risultati in un evento giovedì 17 novembre presso l’Istituto d’istruzione secondaria superiore Ugo Mursia Via Trattati di Roma, 6 Carini (Palermo), pone la Regione Siciliana all’avanguardia in Italia nella ricerca di forme originali di “allenamento” al pensiero scientifico.

Il progetto Eureka. Impariamo le scienze per conoscere e divertirci è stato proposto dall’Istituto comprensivo statale Peppino Impastato insieme al CNR – Area di Palermo e all’Associazione PALERMOSCIENZA, e promosso dall’Assessorato all’Istruzione e Formazione professionale della Regione Siciliana.

“Esprimo tutto il mio apprezzamento per questa iniziativa di elevato contenuto didattico e culturale – ha detto l’assessore regionale per l’Istruzione e la Formazione professionale, Mario Centorrino – il pieno coinvolgimento e la partecipazione attiva degli studenti siciliani e di un elevato numero di operatori del sistema scolastico, ha contribuito al raggiungimento dell’obiettivo del progetto: diffondere la cultura scientifica e l’innovazione tecnologica tra gli alunni delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Sicilia, ed al tempo stesso accrescerne le competenze semplificando il linguaggio scientifico”.

Il Progetto Eureka ha coinvolto 31 scuole di ogni ordine su tutto il territorio regionale: una scuola elementare, nove istituti comprensivi, quattro scuole medie, sedici tra istituti tecnici e licei e una scuola presso un ospedale. In totale 850 studenti, impegnati in 24 laboratori per un totale di 1360 ore di didattica, rese possibili da 12 responsabili della didattica, 51 esperti e 52 tutor impegnati nella progettazione e nella realizzazione dei moduli.
Laboratori fortemente interdisciplinari, che hanno coperto una grande varietà di discipline scientifiche (matematica, chimica, fisica, biologia, geologia, ecologia) e argomenti: l’energia e le sue trasformazioni, l’ambiente e la possibilità della vita, la chimica, luce e visione, biotecnologie agroalimentari e ambientali, la Terra e le sue strutture, l’ambiente marino, la biodiversità naturale e coltivata, i farmaci e le tossicodipendenze, le applicazioni della chimica per la salvaguardia dei beni culturali.

I metodi e le strategie adottate hanno dato agli allievi il ruolo di veri protagonisti del progetto, realizzando una iniziativa didattica davvero innovativa: le scienze viste non più come discipline e argomenti di un libro di testo, ma realtà lavorativa. Laboratori pieni di giovani alle prese con esperimenti ed analisi di risultati che hanno aperto loro un modo nuovo per imparare. Giovani, per una volta, non più incantati e rapiti da strumenti informatici, ma dalla manualità, dal piacere di realizzare qualcosa grazie alla propria abilità.

La giornata di giovedì, ha visto la partecipazione di rappresentanti di tutte le istituzioni coinvolte, è stata l’occasione per registrare il grande successo di questa esperienza, e per vedere il lavoro di centinaia di ragazzi che per un anno si sono tramutati in scienziati e innovatori in erba. Un’esposizione di poster ha illustrato infatti metodi e punti di forza del progetto. Un volume, anch’esso presentato nel corso della giornata, raccoglie nel dettaglio i risultati dei singoli laboratori.

In apertura dell’evento, in una tavola rotonda si è ragionato su cosa questo progetto può insegnare, in Sicilia come nel resto d’Italia, a una scuola che deve necessariamente cambiare per rispondere alle sfide poste dal mondo del lavoro, e per raggiungere gli obiettivi fissati dalle istituzioni europee sotto il nome di “società della conoscenza”.
Alla discussione introdotta e coordinata da Pasqualina Guercia (Dirigente Scolatisco I. C. Peppino Impastato). hanno partecipato Mario Centorrino (Assessore regionale Istruzione e Formazione professionale), Maria Luisa Altomonte (Direttore dell’ufficio scolastico regionale) Anna Buttafuoco (Dirigente del Servizio istruzione statale Dipartimento Istruzione e Formazione professionale) Maria Michela Settineri (già Dirigente scolastico reggente I. C. Peppino Impastato), Carmelo Arena (Vicepresidente dell’Associazione PALERMOSCIENZA) e, in rappresentanza del CNR – Area di Palermo, Pier Luigi San Biagio (Presidente dell’Area) e Giovanni Viegi (Direttore IBIM).

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=10088

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.