Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/sicanianews/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70
SicaniaNews.it, testata giornalistica con servizi di cronaca, cultura e attualità

Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Provincia Agrigento: con D’Orsi altri 14 indagati

Scritto da il 13 Ott 2011/ 10:46. Letto 773 volte. Registrato sotto Agrigento, Cronache, In evidenza. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Quattordici indagati, tra funzionari e dipendenti della Provincia regionale di Agrigento, compreso il presidente dell’Ente, Eugenio D’Orsi, di Movimento per l’autonomia e ideatore di un nuovo movimento politico che prende il nome de “I lealisti”. Rispetto alle vicende venute fuori nel giugno scorso, con l’invito a comparire per 12, tra funzionari e dirigenti provinciali, tutti indagati per alcune presunte irregolarità nella gestione dei fondi dell’ente Provincia, i nuovi entrati nell’indagine sono appunto il presidente D’Orsi e l’ingegnere Piero Hamel, il cui nome viene associato nel troncone di indagine relativo all’affidamento di incarichi professionali a professionisti esterni all’Ente Provincia che secondo la Procura potevano essere evitati affidando a personale tecnico dipendente i lavori da eseguire. Ecco i nomi delle persone indagate: Ignazio Gennaro, 53 anni; Antonino Amato, 60 anni; Paolo Muratore, 54 anni; Giuseppina Miccichè, 55 anni; Giuseppe Montana Lampo, 58 anni; Antonia Giglione, 53 anni; Antonino Graci, 61 anni; Gaetano Gucciardo, 59 anni; Giuseppe Morreale, 59 anni; Anna Capizzi 51 anni; Bernardo Barone, 58 anni e Stefano Mammo Zagarella, 53 anni, Piero Hamel, 55 anni ed Eugenio D’Orsi, 53 anni.
Quest’ultimo è stato invitato a comparire per il prossimo 19 ottobre avanti i Pm, Ignazio Fonzo (procuratore aggiunto) e Giacomo Forte (sostituto) per essere interrogato. Al momento, il pool di legali che compone l’ufficio di difesa del presidente D’Orsi non ha ancora stabilito che strategia adottare. L’intera vicenda, che ha avuto inizio due anni fa può essere così riassunta: nel giugno scorso il primo provvedimento giudiziario con l’accusa di abuso d’ufficio truffa e falso nell’ambito di una indagine condotta dalle Fiamme gialle sulla gestione di fondi pubblici all’interno dell’Ente ritenuti illegittimi perché gli atti compiuti sarebbero mancanti di alcuni obbligatori passaggi previsti dal regolamento dell’Ente pubblico. L’inchiesta puntava l’attenzione su spese effettuate per l’acquisto di penne di lusso, ospitalità in alberghi; oggetti di cartolibreria; rinfreschi, pranzi e cene. Ma sarebbero stati almeno quattro i filoni investigativi seguiti da Guardia di finanza (soprattutto) Polizia e Carabinieri. E, come si capiva già nel giugno scorso, con ogni probabilità, l’obiettivo finale delle investigazioni sarebbe stato il presidente della Provincia. E così è stato.
Eugenio D’Orsi, che replica e commenta amaramente l’avviso a comparire che ha valore di informazione di garanzia speditogli dalla Procura della Repubblica di Agrigento con le accuse di truffa, peculato e concussione. “Continuo ad avere ferma fiducia nella giustizia e risponderò con serenità a tutte le domande che mi verranno poste. Ho sempre agito per il bene della collettività. Noto, comunque, che ci sono tentativi di fermare la buona opera di risanamento messa in atto da tempo. E, pur rimanendo fiducioso, trovo questo provvedimento un po’ esagerato. Nel dettaglio, le accuse mosse a D’Orsi dalla Procura di Agrigento ed il Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza sono, come detto, peculato, concussione e truffa. All’esame dell’ inchiesta vi sono alcuni atti compiuti dal presidente D’Orsi, che, tra l’altro, avrebbe piantumato nella sua villa 40 palme acquistate dalla Provincia e che sarebbero state destinate a spazi di verde pubblico, aiuole di scuole e al giardino botanico. E per dirigere i lavori di piantumazione dei 40 esemplari di tipo “Washingtonia” si sarebbe avvalso di due dipendenti della Provincia utilizzandoli negli orari in cui avrebbe dovuto prestare servizio in altre mansioni. A lavorare a casa di D’Orsi sarebbero stati due dipendenti provinciali, l’agronomo Giovanni Alletto e l’architetto Vincenzo Buono, nominato direttore dei lavori e responsabile della sicurezza per le opere di ristrutturazione della proprietà del presidente. Il tutto gratuitamente, anche se l’architetto avrebbe emesso una fattura di 700 euro come acconto per un compenso mai percepito. E per concludere i lavori, il presidente D’Orsi si sarebbe servito di due imprese già impegnate in appalti con la Provincia, la “Consolida” di Gaspare Chianetta avrebbe compiuto lavori di scavo e di trasporto merce, e D’Orsi avrebbe ottenuto uno sconto del 30 per cento. E la “Manutencoop” avrebbe prestato gratuitamente opere di ristrutturazione del valore di oltre 10mila euro. Ed ancora, D’Orsi avrebbe conferito incarichi esterni per esigenze che l’Ente Provincia avrebbe potuto fronteggiare con proprio personale. Irregolari sarebbero anche gli affidamenti dei servizi alberghieri in occasione di alcuni spettacoli del cartellone della Provincia. L’inchiesta giudiziaria ha già scatenato commenti e reazioni. Inevitabili le ripercussioni sul piano politico di questa delicata vicenda che coinvolge il presidente d’Orsi che oltre a respingere le accuse afferma ancora ipotizzando un complotto: “Sono tranquillo e continuo ad avere ferma fiducia nel lavoro della Procura, e pur rimanendo fiducioso, trovo questo un complotto contro di me, architettato dagli scontenti, tra questi quelli del Pdl, che ho fatto fuori “. Anche il Pd agrigentino per voce del segretario provinciale Emilio Messana e dei consiglieri provinciali Daniele Camilleri, Ettore Di Ventura, Piero Giglione, intervengono sulla vicenda proprio mentre il partito di Bersani aveva deciso di far parte della Giunta D’Orsi: “Il Partito Democratico ripone piena fiducia nell’azione della magistratura, che ha ravvisato l’opportunità di inviare un avviso di garanzia al presidente della Provincia Eugenio D’Orsi. Confidiamo che il presidente D’Orsi saprà chiarire la propria posizione allontanando da sè e dalla sua amministrazione ogni sospetto. D’Orsi ha caratterizzato la sua presidenza per il rigore nella gestione delle risorse pubbliche, procedendo all’eliminazione degli enti inutili e al risanamento del bilancio, scelte che confortano l’auspicio della sua estraneità ai fatti contestati”.
Anche i consiglieri provinciali dei gruppi consiliari dell’Mpa, di Fds, del Fli, dell’Udc ed I lealisti che sostengono l’amministrazione D’Orsi, in un documento congiunto hanno espresso viva solidarietà al presidente della Provincia Regionale di Agrigento, Eugenio D’Orsi, raggiunto, ieri, da un invito a comparire emesso dalla Procura della Repubblica di Agrigento. I consiglieri, nell’esprimere piena fiducia nell’operato della magistratura, manifestano il pieno convincimento dell’assenza di ogni forma di responsabilità penale da parte del presidente D’Orsi, al quale riconoscono grande sobrietà, equilibrio, oculatezza e alto senso delle Istituzioni. Auspicano che la vicenda possa essere chiarita in tempi brevi così da sgomberare il campo da ogni dubbio e ridare serenità all’uomo Eugenio D’Orsi ed alla sua famiglia, già duramente provata da eventi criminali che ne hanno turbato la tranquillità. “È sotto gli occhi di tutti il rigore, il senso civico del dovere ed il rispetto nei confronti del territorio amministrato, che hanno, da sempre, caratterizzato la presidenza D’Orsi; gestione – convengono i firmatari del documento – che ha fatto conquistare all’Ente grandi traguardi in termini di oculatezza e di buona gestione che sono stati riconosciuti dalla magistratura contabile e che hanno prodotto il risanamento delle finanze dell’Ente riuscendo ad eliminare oltre 100 milioni di debiti pregressi”.
Il componente del direttivo provinciale del movimento politico-culturale “I Lealisti”, Francesco Christian Schembri, interviene a margine della notizia di stampa che vede coinvolto in un’inchiesta della Guardia di Finanza il Presidente della Provincia Regionale di Agrigento, affermando: “Nell’esprime vicinanza e sostegno politico – afferma Schembri – al presidente D’Orsi, sono sicuro che saprà dimostrare e giustificare quanto contestato dalla Guardia di Finanza”. “Le ipotesi di reato contestate al presidente della Provincia non possono nascondere l’opera di risanamento dell’Ente che con la sua azione politico-amministrativa ha consentito di far divenire la nostra Provincia fra le più virtuose d’Italia”. “Sembra assurdo pensare che il presidente della Provincia si possa essere servito del suo ruolo istituzionale per trarre vantaggi economici e/o personali, quando ha sempre dimostrato con i fatti di avere eliminato ogni sperpero di denaro pubblico attuato dalle amministrazioni precedenti”. “Auspico – continua Schembri – che il tutto sia scevro da qualsivoglia condizionamento politico che da qualche mese a questa parte vede parte dell’opposizione del governo provinciale attaccare pesantemente e strumentalmente l’opera di chi fino ad oggi ha dimostrato di avere a cuore l’interesse della collettività”. “All’uopo – conclude Schembri – sono sicuro che il presidente D’Orsi saprà chiarire, confidando fiducia nell’azione della magistratura, la sua posizione in merito a quanto contestato e potrà così continuare ad assicurare a questa provincia la dignità che, contrariamente a quanto in passato si è potuto vedere, è sempre mancata in barba agli interessi dei cittadini”. “Sprono pertanto il presidente D’Orsi a continuare nella sua opera di risanamento del bilancio, di razionalizzazione della spesa pubblica e all’eliminazione di Enti inutili. Probabilmente questo rigore si scontrerà con l’interesse di qualcuno.”.

(fonte grandangolo)

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=9039

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.