Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/sicanianews/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70
SicaniaNews.it, testata giornalistica con servizi di cronaca, cultura e attualità

Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Mafia, sequestrati beni al boss Gioacchino Siggia

Scritto da il 14 Dic 2011/ 14:45. Letto 877 volte. Registrato sotto Cronache, Ribera. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Per sette anni la sua famiglia non aveva alcun reddito, per venti anni i “beni dichiarati erano appena sufficienti al mantenimento di un ordinario tenore di vita”. Nonostante le cifre poco incoraggianti della sua dichiarazione dei redditi, il boss Gioacchino Siggia, 82 anni, possedeva case, terreni e aveva soldi in banca. I beni, secondo l’accusa acquisiti grazie alla sua attività al servizio di Cosa Nostra, sono stati sequestrati. Il provvedimento è stato firmato dai giudici della sezione misure di prevenzione del tribunale di Agrigento. Il collegio presieduto da Franco Messina ha fatto apporre i sigilli a nove appezzamenti di terreno, due fabbricati e un libretto nominativo. L’origine di questi beni, intestati anche ai familiari, secondo gli accertamenti della Guardia di Finanza non può essere riconducibile in nessun modo ai redditi dell’anziano riberese. Siggia è stato condannato con sentenza definitiva a tre anni e quattro mesi di reclusione per l’accusa di associazione mafiosa. Il suo nome è legato all’operazione “Welcome back”. Il 5 luglio del 2006 finirono in carcere quattro persone, ritenute componenti della “malavita” italo-americana. Siggia, per via dell’età avanzata, fu posto agli arresti domiciliari. L’inchiesta ha preso spunto dal ritorno in Italia (da qui il nome dell’operazione “Welcome back”, ovvero “bentornato”) di Gennaro Sortino rientrato, dopo sedici anni di latitanza negli Usa, grazie a un provvedimento di estinzione della pena. L’operazione dei carabinieri ebbe anche il merito di stroncare la carriera del quarantenne Giuseppe Capizzi, figlio di Simone Capizzi, mafioso di “lungo corso”, condannato all’ergastolo. Il giovane rampollo in quel momento era il braccio destro dell’allora capomafia di Agrigento Giuseppe Falsone. L’indagine fu avviata nel 2001, cinque anni prima degli arresti, mediante intercettazioni ambientali e telefoniche.

Fonte: Agrigentoweb.it

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=10843

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.