Ci siamo trasferiti sul nuovo sito WWW.SICANIANEWS.IT

Arance calabresi nelle scuole di Ribera: Giuseppe Pasciuta replica al consigliere Pedalino

Scritto da il 25 gen 2012/ 17:45. Letto 883 volte. Registrato sotto Cronache, Economia, In evidenza, Ribera. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Pubblichiamo una nota di Giuseppe Pasciuta, Presidente del Consorzio di Tutela Arancia di Ribera DOP Riberella, che interviene sulla questione relativa alla distribuzione delle arance nelle scuole riberesi.

In riferimento al comunicato del consigliere comunale del comune di Ribera dott. Pedalino in merito al disappunto per la presenza nelle scuole di Ribera, di arance provenienti da altre regioni, mi preme sottolineare alcune considerazioni sul programma “Frutta nelle scuole”, al terzo anno di applicazione in tutte le scuole della comunità europea e che permette la distribuzione delle arance in questione.
Il programma elaborato ai sensi dei reg. 1234/2007 e 288/2009 ha l’obiettivo di far fronte allo scarso consumo di frutta e verdura da parte dei bambini aumentando durevolmente la porzione di frutta e verdura nella loro dieta nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari.
E’ oramai assodato che i principali errori alimentari sono individuati nell’assunzione eccessiva di alimenti di provenienza animale e di dolciumi, ricchi di zuccheri semplici, nell’alimentazione non sufficientemente variata, nel consumo di alimenti vegetali inferiori alle quantità raccomandate. Recenti studi scientifici, inoltre, hanno dimostrato che le proprietà salutistiche dei prodotti vegetali sono dovute ad alcuni composti organici che svolgono un’azione protettiva su diversi sistemi ed apparati del nostro organismo e che in alcuni casi sono responsabili della pigmentazione del prodotto.
In questo scenario il ruolo della prevenzione e dell’educazione alimentare diventa la leva principale di una strategia volta ad introdurre comportamenti maggiormente virtuosi. I prodotti ortofrutticoli rappresentano una fonte importantissima di fibra, di beta carotene, di vitamina C , di altre vitamine e dei più diversi minerali. Essi giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione della obesità, grazie all’elevato contenuto in fibra e acqua, alle poche calorie fornite rispetto al volume ingerito e all’elevato potere saziante.
Quindi attraverso questa iniziativa della CE, con il contributo del MIPAAF e in collaborazione con le regioni, si vuole:
a. incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini;
b. realizzare un più stretto rapporto tra il “produttore-fornitore” e il consumatore, indirizzando i criteri di scelta e le singole azioni affinché si affermi una conoscenza e una consapevolezza nuova tra “chi produce” e “chi consuma”.
Il programma prevede altresì che nella scelta dei prodotti e nella predisposizione della campagna di informazione, si utilizzano prodotti ottenuti con metodi di produzione integrata o prodotti di qualità certificati: D.O.P. o I.G.P. o Biologici.
Per l’attuazione del programma il Ministero delle Politiche agricole predispone dei bandi annuali a cui accedono aziende associate con le organizzazioni di produttori alfine di assicurare la preparazione e distribuzione in tutte le scuole di diverse regioni della frutta previste dagli appositi disciplinari.
Quest’anno il bando per la distribuzione in 1100 scuole delle regioni Sicilia e Calabria è stato aggiudicato alla COF srl, azienda capofila, con aziende locali nella fornitura di frutta e verdura.
Anche aziende del nostro comprensorio partecipano al programma con una partnership con la COF fornendo arance di Ribera DOP e biologici, insieme ad altre aziende siciliane e calabresi.
Tutte le forniture vengono inviate in piattaforme di lavorazione, tra le quali quella di Vibo Valentia, e successivamente distribuite nelle due regioni. Pertanto accade che a Ribera vi siano arance calabresi e viceversa.
E’, invece, importante vigilare affinché arrivino nei banchi di scuola, frutta di ottima qualità ed in caso contrario avvisare gli organi competenti.
I nostri sforzi devono essere indirizzati verso la creazione di aziende e organizzazioni di produttori forti per potere competere sul mercato. Condivido, comunque, l’auspicio ad attivare altre iniziative che possano, al di là del programma comunitario, incentivare la presenza delle nostre produzioni tipiche nelle scuole, negli ospedali e in tutte le mense collettive”.

Giuseppe Pasciuta
Presidente Consorzio di tutela Arancia di Ribera DOP Riberella
Dirigente Responsabile Soat di Sciacca Sportello verde di Ribera

Condividi questo articolo

URL breve: http://sicanianews.altervista.org/?p=11577

Scrivi una replica

*

Azienda Agricola Nino Cufalo
Azienda Agricola Nino Cufalo

logo_sicania600

Calendario

maggio: 2020
L M M G V S D
« gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Cerca per categoria

Archivi

Galleria fotografica

Tutti i contenuti di SicaniaNews.it sono di proprietà dell'Editore. È vietata la riproduzione anche parziale, ad eccezione dei siti partner.